Continua il nostro itinerario nelle verdi regioni dell’Italia centrale dove verdi colline, alte montagne e meravigliose coste possono incantare tutti gli avventurieri e perché no, anche i ciclisti, quindi preparate i bagagli per un’altra gita alla scoperta dell’Abruzzo.

I Primi Passi

Questa vocazione è dimostrata dagli investimenti messi in campo nel sistema delle piste ciclabili d’Abruzzo, a partire dalla Bike to Coast, la pista ciclabile che percorre i 130 km dell’intero tratto costiero abruzzese, e la valorizzazione degli itinerari per mountain bike, dei circuiti downhill nelle colline e nelle montagne abruzzesi e dei numerosi percorsi cicloturistici. Inoltre nei prossimi mesi si svolgeranno numerosi eventi sportivi di rilevanza nazionale e internazionale, segno che l’Abruzzo è un territorio ideale per praticare la bicicletta in maniera sostenibile declinandola in molte delle sue sfaccettature.

“Abruzzo Bike Friendly” è la rete regionale di strutture ricettive e di servizi complementari promossa e gestita dalla Regione Abruzzo per favorire lo sviluppo e la qualificazione dell’offerta cicloturistica sul territorio regionale. Obiettivo primario è quello di innalzare il livello qualitativo dell’esperienza offerta alle diverse tipologie di turista-fruitore, dallo sportivo appassionato di bicicletta all’escursionista che predilige una mobilità dolce per visitare e scoprire il territorio, costruendo e valorizzando un prodotto turistico competitivo e facilmente riconoscibile nel settore del cicloturismo e del ciclismo su strada e fuoristrada.

Le Mete Avvincenti

Il “piccolo Tibet” di Campo Imperatore, partendo dalla piana di Navelli. Campo Imperatore è collegato, tramite una serie di piccole valli ed elevazioni, alla Piana di Navelli, un grande altopiano a sud-est della Conca Aquilana. Fra queste bellezze naturali, anche dei borghi che sono dei gioielli storici: Calascio con la sua Rocca, Castel del Monte e Santo Stefano di Sessanio. Com’è facile intuire, pedalare da queste parti vuol dire avere a che fare con le salite; per esplorare queste zone vi proponiamo quindi tre percorsi di difficoltà crescente. Tutti e tre i percorsi sono ad anello: partono e arrivano nella piana di Navelli. Salendo di difficoltà, l’anello viene gradualmente ampliato, fino a raggiungere il punto più alto di Campo Imperatore, dove si trova il famoso albergo, con il percorso “rosso”. Il modo migliore per raggiungere il punto di partenza è il treno, sfruttando la stazione di San Demetrio Ne’ Vestini.

Le Mete Avvincenti
Le Mete Avvincenti

 Dato l’impegno fisico richiesto, il consiglio è di arrivare nel pomeriggio con il treno, pernottare in loco, e partire di buon’ora il mattino dopo, riposati e con tutta la giornata davanti per poter pedalare con calma. In questo modo il percorso facile può essere compiuto in giornata senza troppi problemi da chi ha un minimo di allenamento; per i percorsi medio e difficile consigliamo di prevedere una tappa intermedia, anche per poter dedicare il tempo necessario alla visita dei vari borghi che si incontrano lungo la via. Con il percorso difficile si sale fino a 2100 metri circa: siate preparati al freddo intenso anche d’estate; è importante notare anche che l’ombra è molto rara da queste parti, per cui ricordate di portare molta acqua e le protezioni adeguate.